Notizie

COMUNIONE LEGALE E SEPARAZIONE DEI BENI: UNA DECISIONE CHE FA DISCUTERE

E’ di ieri una curiosa sentenza della Cassazione (la n.4676/2018) nella quale viene reinterpretata la comunione legale dei coniugi, in relazione al principio di “comunione senza quote”, che ne determina l’indivisibilità e l’inalienabilità a terzi senza il consenso di entrambi. Con la citata pronuncia, destinata a suscitare forti discussioni e fors’anche ad essere smentita, gli Ermellini sostengono in pratica che anche nel caso in cui i coniugi optino in un momento successivo all’acquisto dei beni per il regime di separazione, tali beni rimangano comunque soggetti alla disciplina della comunione legale con ogni conseguenza in ordine alla divisibilità ed alienazione per quote.

Si tratta di una decisione che non può essere condivisa, dal momento che l’art.191 CC indica fra le cause di scioglimento della comunione legale e quindi di mutamento della disciplina sulla circolazione dei beni proprio la scelta del diverso regime della separazione, da cui consegue la caduta delle limitazioni al potere di disponibilità da parte dei coniugi. Ora, se con la scelta del regime di separazione i beni la comunione “legale” si trasforma in comunione “ordinaria” la conclusione della Corte si pone in evidente contraddizione con la norma citata. Non resta che sperare in un tempestivo cambiamento di rotta.

Avv. Maria Rapino

>Per scaricare la sentenza clicca qui<

SULLA PDL 2669: GLI ACCORDI PREMATRIMONIALI

Giace dal 15/10/2014 alla Camera dei Deputati la proposta di legge n. 2669, per introdurre nel sistema codicistico della disciplina della famiglia gli accordi prematrimoniali.

La PdL prevede l’introduzione nel Codice Civile dell’art. 162 bis (il cui testo è disponibile sul sito della Camera), nel quale si norma la nuova figura di convenzione matrimoniale; funzione e scopo della quale sarebbe essenzialmente quello di disciplinare i rapporti patrimoniali dei coniugi nell’ottica di una eventuale separazione.

In estrema sintesi, secondo la PdL n.2669 diventa possibile determinare ancor prima del formarsi del vincolo matrimoniale l’attribuzione ad un coniuge di una somma di denaro periodica o una tantum, o al contrario la rinuncia di un coniuge a qualsiasi forma di mantenimento nel caso di cessazione del vincolo coniugale, salvo rimanendo in ogni caso l’irrinunciabile diritto agli alimenti ex art. 433 cc. A ciò si aggiunga che le previsioni concernenti il mantenimento degli eventuali figli (minorenni o comunque economicamente non autonomi) dovrebbero essere sottoposte al vaglio preventivo del PM.

Tale proposta di modifica ci sembra tornata attuale (pur se suscettibile di miglioramento) alla luce della ben nota sentenza n. 11504/2017 nella quale la SC ha fissato una interpretazione dell’art. 5 L. 898/1970 maggiormente aderente alla lettura del testo.

Non dubita la scrivente che il richiamo della SC (nei principi di diritto enunciati) alla figura della autoresponsabilità economica degli ex coniugi e della collegata impossibilità di conseguirla per impedimenti di natura oggettiva; nonché all’obbligo di tenere conto nella fase del quantum debeatur del principio di solidarietà economica, rendano oggi molto più conveniente determinare prima della fase patologica del rapporto coniugale gli aspetti economici di separazione e divorzio.

Superando le consolidate resistenze ad affrontare questioni economiche nel periodo prematrimoniale (pregiudizi che la società angloamericana non conosce), l’introduzione di un accordo prematrimoniale può assumere una duplice funzione: da un lato incanalare la futura vita di coppia e della famiglia su un corretto binario gestionale; dall’altro evitare o ridurre al minimo i contrasti economici che caratterizzano i procedimento separativi. E soprattutto questo secondo aspetto appare particolarmente significativo in presenza di figli minori, in considerazione del danno che spesso subiscono nella fase di disgregazione della famiglia.

La delicatezza e la particolarità dell’accordo (che non è e non può essere assimilato ad un contratto) rendono necessario che le parti siano consigliate e guidate – nella fase di formazione e di redazione dell’accordo – da un professionista qualificato che illustri con chiarezza lo scopo e gli effetti del negozio giuridico, nonché le conseguenze delle singole pattuizioni. Giusta mi appare quindi la previsione della PdL che l’accordo sia stipulato per atto pubblico con l’ausilio del Notaio o nelle forme della negoziazione assistita, con l’assistenza dei rispettivi avvocati di fiducia.

Avv. Maria Rapino

Per leggere il testo integrale della proposta di legge

>>clicca qui<<

IL NUOVO ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE IN MERITO ALL’ ASSEGNO DIVORZILE

Tra il 10 e l’11 maggio del 2017 la Cassazione con le sentenze 11504 e 11538 ha modificato radicalmente i parametri da utilizzare ai fini della quantificazione dell’assegno divorzile, operando quella che può solo essere definita una “rivoluzione copernicana”, come ha fatto il Prof. Avv. Alberto Figone.
Fino ad ora la natura assistenziale dell’assegno divorzile doveva garantire al “coniuge debole” un tenore di vita analogo a quello avuto nel corso del matrimonio o a quello che si attendeva in forza delle aspettative maturate.
Questo orientamento giurisprudenziale poteva avere qualche ragione d’essere fin tanto che tra la separazione ed il divorzio dovevano intercorrere dapprima 5, poi 3 anni, ma non ha più alcuna ragione d’essere a seguito dell’introduzione del divorzio breve, e se non si vogliono creare inutili ed erronee aspettative di mantenimento nelle persone che, poco dopo, a seguito del divorzio perderanno tale assegno sarebbe il caso di rendere inapplicabile il parametro del tenore di vita anche alle separazioni. Il che, alcuni Tribunali hanno già fatto, come ad esempio il Tribunale di Roma con la sentenza n. 5126 del 14 marzo 2017 che ha respinto la richiesta di un assegno da parte di una moglie, che già utilizzava gratuitamente la casa coniugale quale genitore collocatario dei figli ed era altresì proprietaria di un immobile locato, e ciò perchè con il ricavato dalla locazione di detto immobile poteva provvedere alle proprie necessità, ed inoltre essendo giovane e laureata , ben poteva integrare il suo reddito con una attività lavorativa equivalente a quella svolta all’inizio della vita coniugale, abbandonata poi in occasione della nascita della prima figlia.
L’indirizzo giurisprudenziale espresso dalla Cassazione secondo il quale, in conseguenza della modifica legislativa apportata alla originaria l.898/70 dalla legge del 74/1987, avendo l’assegno divorzile natura eminentemente assistenziale, ne consegue che ai fini del riconoscimento del diritto all’assegno divorzile l’elemento determinante è l’autonomia economica della persona che lo richiede.
Viene spontaneo chiedersi, non essendo intervenute modifiche legislative, perché questo criterio non sia stato fino ad ora adottato dalla giurisprudenza sia nella separazione che nel divorzio, ma ci sia sempre riferiti al tenore di vita; a riguardo la risposta indicata proprio dal Dr. Lamorgese nell’articolo pubblicato nel marzo 2016 appare convincente. Nel suddetto articolo, infatti, si osserva a) che questo orientamento non ha tenuto conto della modifica legislativa del 1987, b) che lo stesso di conseguenza procrastina indefinitamente nel tempo il momento della fine degli effetti patrimoniali del vincolo coniugale, c) interpreta l’assegno divorzile come un modo per assicurare ad uno degli ex coniugi la conservazione del tenore di vita avuto durante il matrimonio, ed in buona sostanza è frutto di una concezione per la quale si riteneva in realtà indissolubile il matrimonio. Del resto è necessario ricordare come già nel 1990 queste considerazioni erano state poste nella sentenza n. 1652 del 1990 ove si legge con riferimento alla norma introdotta nel 1987 “la recente riforma ha inteso, tra l’altro, scongiurare, privilegiando, nel momento attributivo, la funzione esclusivamente assistenziale dell’assegno ed eliminando, con ciò, dal sistema quell’elemento di disturbo introdotto dal “diritto vivente” mediante l’attribuzione al coniuge debole dello stesso trattamento (in via di massima) da lui goduto in costanza di matrimonio, malgrado lo scioglimento di quest’ultimo.”
La modifica dell’orientamento giurisprudenziale della Cassazione comporta che nel giudizio per l’attribuzione dell’assegno di divorzio la valutazione relativa all’adeguatezza dei mezzi economici di cui dispone il richiedente deve essere compiuta con riferimento non al tenore di vita da lui goduto durante il matrimonio, ma ad un modello di vita economicamente autonomo e dignitoso, quale, nei casi singoli, configurato dalla coscienza sociale.
Finalmente si afferma che con il divorzio si superano i reciproci doveri di assistenza morale e materiale tipici del matrimonio di talchè il principio di diritto affermato dalla sentenza 11504/17 ricalca quello espresso dall’art.156, 1° comma. c.c.. “il diritto di ricevere dall’altro coniuge quanto è necessario al suo mantenimento, qualora egli non abbia adeguati redditi propri”.
La Cassazione ha poi opportunamente rilevato come il permanere di obblighi nei confronti dell’ex coniuge quali quelli di dovergli garantire, per un tempo indeterminato, il mantenimento del medesimo tenore di vita, possa creare: “un ostacolo alla costituzione di una nuova famiglia, successiva alla disgregazione del primo gruppo familiare, in violazione di un diritto fondamentale dell’individuo…che è ricompreso tra quelli riconosciuti dalla Cedu (art. 12) e dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea (art. 9)».
Posto quindi che il parametro per individuare il diritto all’assegno divorzile sia quello del mancato raggiungimento dell’autonomia economica la Cassazione ritiene che tale parametro trovi la sua fonte normativa nell’art.337 septies 1° comma c.c. in forza del quale : “Il giudice, valutate le circostanze, può disporre in favore dei figli maggiorenni non indipendenti economicamente il pagamento di un assegno periodico. E’ di tutta evidenza che se questo principio funziona per i figli, garantiti stabilmente dal proprio status filiationis, a maggior ragione dovrà valere per il coniuge, che a seguito del divorzio non è più tale.
Dall’esame della sentenza 11504 del 2017 chiariscono come le caratteristiche dell’assegno divorzile sono :
1) la sua natura assistenziale;
2) il fatto che non deve essere attribuito a chi ha una propria indipendenza economica;
3) deve essere riconosciuto a chi non abbia a disposizione redditi sufficienti a consentirgli di condurre una vita libera e dignitosa;
4) deve essere quantificato nella misura che consenta al percipiente di condurre una vita libera e dignitosa;
5) non deve dare luogo ad illegittimi arricchimenti.
Di conseguenza la Cassazione afferma che per valutare la richiesta di attribuzione di un assegno divorzile il giudice deve “tener conto”, nella fase del quantum debeatur – informata al principio della «solidarietà economica» dell’ex coniuge obbligato alla prestazione dell’assegno nei confronti dell’altro in quanto “persona” economicamente più debole (artt. 2 e 23 Cost), il cui oggetto è costituito esclusivamente dalla determinazione dell’assegno, ed alla quale può accedersi soltanto all’esito positivo della prima fase, conclusasi con il riconoscimento del diritto, di tutti gli elementi indicati dalla norma («[….] condizioni dei coniugi, [….] ragioni della decisione, [….] contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare ed alla formazione del patrimonio di ciascuno o di quello comune, [….] reddito di entrambi [….]»), e “valutare” «tutti i suddetti elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio», al fine di determinare in concreto la misura dell’assegno di divorzio; ciò sulla base delle pertinenti allegazioni, deduzioni e prove offerte, secondo i normali canoni che disciplinano la distribuzione dell’onere della prova (art. 2697 cod. civ.)”.
Conseguentemente se si vuole cercare di individuare quali siano i fondamentali indici per accertare l’indipendenza economica di chi richiede l’assegno divorzile è necessario verificar
a) il possesso di redditi di qualsiasi specie;
b) il possesso di cespiti patrimoniali mobiliari ed immobiliari, tenuto conto di tutti gli oneri lato sensu “imposti” e del costo della vita nel luogo di residenza («dimora abituale»: art. 43, secondo comma, cod. civ.) della persona che richiede l’assegno;
c) le capacità e le possibilità effettive di lavoro personale, in relazione alla salute, all’età, al sesso ed al mercato del lavoro dipendente o autonomo;
d) la stabile disponibilità di una casa di abitazione;
f) la possibilità di procurarsi redditi di qualsiasi specie.
In buona sostanza nel riconoscimento dell’assegno divorzile non sono consentite locupletazioni dato che la sentenza 11538/17 le bandisce esplicitamente sia in sede di determinazione di assegno di separazione, che di assegno divorzile, che si verificherebbero nel caso in cui venisse riconosciuto a persone titolari di redditi propri e ciò in applicazione del principio di diritto reso dalla sovrarichiamata sentenza della Cassazione n. 1652 del 1990 che afferma: “la valutazione relativa all’adeguatezza dei mezzi economici di cui dispone il richiedente deve essere compiuta con riferimento non al tenore di vita da lui goduto durante il matrimonio, ma ad un modello di vita economicamente autonomo e dignitoso” e quello reso dalla sentenza della Cassazione n. 11504/17 che dispone che “la mancanza di «mezzi adeguati» va accertata con esclusivo riferimento all’indipendenza o autosufficienza economica” del richiedente”.
Di conseguenza l’assegno divorzile :
a) non dovrebbe essere riconosciuto a chi abbia raggiunto l’indipendenza economica;
b) andrebbe disposto in favore di chi disponga di redditi insufficienti a condurre un’esistenza libera e dignitosa;
c) dovrebbe essere quantificato nella misura che permetta il raggiungimento dello scopo di fornire redditi sufficienti a condurre un’esistenza libera e dignitosa, senza provocare illegittime locupletazioni;
d) dovrebbe essere finalizzato a permettere al coniuge, privo di mezzi adeguati, di acquisirli per essere al più presto economicamente indipendente.
Roma 9 giugno 2017
Marina Marino

A PROPOSITO DELLA PROVA NUOVA IN APPELLO

Commento a Cass. S.U. n.10790 del 7 maggio 2017

 

Proseguendo il percorso avviato con la sentenza n.12310/2015 incentrata sull’interpretazione dell’art.183 cpc, la Cassazione con la sentenza a Sezioni Unite del 4 maggio 2017 n.10790 introduce alla lettura esegetica dell’art.345 3° comma cpc.

Pur essendo la motivazione incentrata sul significato dell’inciso “salvo che il Collegio non li ritenga indispensabili ai fini della decisione della causa” –poi soppresso dalla L.134/2012 per il processo ordinario, ma rimasto efficace per il rito del lavoro ed il rito sommario ex artt.702 bis e segg.- la Corte chiarisce anche la portata del comma nella parte in cui, sottolineata l’inammissibilità di nuove prove in appello, introduce l’eccezione per le prove che la parte dimostri non di non aver potuto proporre o produrre in primo grado senza sua colpa. Ed in particolare fa luce su quali siano veramente le prove “nuove” di cui la parte, appellante o appellata, può avvalersi in secondo grado. Centrale appare sotto questo profilo il riferimento alle due tesi elaborate dalla dottrina, l’una più estensiva riferita al concetto di indispensabilità della prova contenuto nella parte abrogata per il giudizio ordinario e l’altra più restrittiva che può attagliarsi anche alle prove non prodotte in primo grado per causa non imputabile alla parte. In relazione a questo secondo orientamento la SC, anche richiamando precedenti sue pronunce, argomenta che la prova “nuova” è non soltanto quella avente ad oggetto un fatto nuovo, perché sopravvenuto, ma anche quella che –non allegata in primo grado o comunque preesistente- diventa rilevante “solo grazie al tenore della sentenza di primo grado…”. In altre parole, il Supremo Consesso fa rientrare nella prova nuova ammissibile in appello anche quella che si rende necessaria per scardinare la motivazione in diritto o l’interpretazione del fatto contenuta nella sentenza impugnata. Con la conseguenza che la novità della prova e quindi la sua rilevanza ai fini del thema decidendum “deve essere valutata in rapporto allo sviluppo dall’intero processo, comprensivo della sentenza di primo grado e di ciò che essa afferma a commento delle risultanze istruttorie”. E questo in nome del principio secondo cui deve privilegiarsi la realtà materiale documentabile in appello rispetto alla verità processuale emersa tempestivamente.

In estrema sintesi, c’è spazio in appello per prove non addotte o non ammesse in primo grado (ovviamente purché non viziate, queste, dalla inammissibilità o dalla manifesta irrilevanza) non soltanto quando la parte non le abbia proposte senza sua colpa –magari perché contenute in un documento che controparte ha occultato- ma anche quando la necessità di introdurle nel processo di appello sorga proprio dalla motivazione della sentenza impugnata o dall’errata ricostruzione del fatto posto a base del procedimento.

Si tratta di uno sviluppo interessante: rimane il timore che i Giudici di merito, così come avvenuto per la tesi proposta dalla SC con la sentenza a Sezioni Unite in tema di art.183 cpc citata in premessa, manifestino insofferenza verso questa lettura della norma e tardino ad accoglierla nella prassi dei nostri Tribunali.

Avv. Maria Rapino

Per scaricare il testo integrale della sentenza

>>clicca qui<<

ROMA 30/05/2017 – Convegno: L’INDAGINE SUI REDDITI E PATRIMONI NEI GIUDIZI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO

Anthropoi in collaborazione con il Movimento Forense presentano:

L’INDAGINE SUI REDDITI E PATRIMONI NEI GIUDIZI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO”

Sala Unità d’Italia Corte di Appello Civile di Roma

30 maggio 2017 dalle ore 13.00 alle ore 16.00

 

 Indirizzo di saluto

Avv. Massimiliano Cesali

Presidente nazionale Movimento Forense

 Avv. Grazia Maria Gentile

Vice Presidente Movimento Forense Roma

 

Introduce e Modera

Avv. Corinna Marzi

Movimento Forense Roma e socio Anthropoi

 

Relazioni

Dott. Vincenzo Vitalone

Magistrato del Tribunale di Roma

”Orientamento e giurisprudenza della sezione del Tribunale di Roma in merito alla disposizione ed agli esiti delle indagini effettuate”.

 

Avv. Marina Marino

Foro di Roma – Presidente Anthropoi

“Aspetti processuali relativi all’indagine patrimoniale”

 

Dott.ssa Alessia Capilupi

Dottore Commercialista e CTU del Tribunale di Roma

“La C.T.U. Contabile”

 

Evento gratuito con prenotazione obbligatoria in fase di accreditamento presso il COA Roma per il riconoscimento di crediti formativi

PRENOTAZIONI A MEZZO E-MAIL: massimilianocesali@movimentoforense.it 

Locandina convegno

CORSO BASE DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA CON IL METODO COLLABORATIVO

 

CORSO BASE DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA CON IL METODO COLLABORATIVO

Programma

6 GIUGNO 2017 H.14/17  Avv. Olga Anastasi  ed Avv. Alessandra Hopps

Il metodo collaborativo cos’è e dove è nato quali le finalità ed i vantaggi :

Cambio di paradigma del lavoro dell’avvocato

  • separazione giudiziale
  • separazione consensuale
  • mediazione
  • negoziazione con il metodo collaborativo

13 GIUGNO 2017 H.14/17  Avv. Marco Calabrese , Avv. Marina Marino

il primo incontro con il cliente

i contatti con il legale dell’altro coniuge

preparazione del 1° incontro a quattro

stesura, lettura ed esame della convenzione di negoziazione

metodo per arrivare all’accordo: le diverse fasi da percorrere

20 giugno 2017 h.14/17

Dr. Melania Scali ; il nome del financial è in attesa di conferma

L’intervento dello psicologo

L’intervento del financial

27 GIUGNO 2017      h.14/17

Avv. Marco Calabrese,  Avv. Marina Marino

i successivi incontri

debriefing dopo ciascun incontro

Stesura del verbale dopo ogni incontro con la fissazione dei risultati raggiunti

Incontro finale e stesura dell’accordo di negoziazione

******

Coloro che intendono iscriversi al corso dovranno inviare copia

Il corso si terrà a Roma presso AR.MA Teatro in Via Ruggero di Lauria n.22, se verranno raggiunte un numero adeguato di iscrizioni, qualora ciò non avvenisse gli importi versati verranno restituiti. Coloro che sono interessati all’iscrizione dovranno compilare ed inviare il seguente modulo di iscrizione:

modulo di iscrizione al corso di negoziazione con metodo collaborativo (clicca per scaricare)

Il costo del Corso è di € 200,00, oltre IVA.   La quota di iscrizione deve essere versata a mezzo bonifico bancario su conto corrente intestato a Istituto di Studi Europei sul Diritto di Famiglia e delle Persone ANTHROPOI le cui coordinate bancarie sono

Banca UNICREDIT

IBAN: IT02M0200805340000104388657.

 

 

Commento alla sentenza CEDU del 23/02/2017 – ricorso n. 64297/12

Violazione dell’art. 8 della Convenzione

La sentenza in commento ha condannato il Governo Italiano per violazione dell’art. 8 della Convenzione, a causa  dei ritardi irragionevoli nel procedimento penale nei confronti del ricorrente, assolto dalla imputazione di abuso sessuale in danno dei figli minori.

La Corte ricorda che per un genitore ed un figlio stare insieme rappresenta un elemento fondamentale della vita familiare e che i provvedimenti interni che impediscono ciò, costituiscono un’ingerenza nel diritto tutelato dall’art. 8 della Convenzione.

Finalità dell’art. 8, infatti, è anche quella di tutelare l’individuo dalle ingerenze arbitrarie del Governo. Lo Stato è tenuto ad adottare provvedimenti volti a riunire genitori e figli.

I provvedimenti volti alla riunificazione dei genitori e figli devono essere adottati rapidamente, perché il trascorrere del tempo può avere conseguenze irreparabili per i rapporti tra il figlio ed il genitore che non vive con lui.

Ciò comporta che in presenza di un giudizio penale, è obbligo dello Stato Italiano garantire che il giudizio arrivi a definizione in tempi ragionevoli, e ciò perché il giudizio penale ha un impatto diretto e determinante sul diritto alla vita familiare dell’imputato, diritto che, tanto più nel caso di assoluzione,  deve essere ripristinato nel più breve tempo possibile, nello stesso interesse di tutti i componenti del nucleo familiare.

 Avv. Giovanni Maria Giaquinto 

Clicca qui per scaricare la sentenza

LA TUTELA DEI DIRITTI UMANI, DELLA PERSONA E DELLE FAMIGLIE PRESSO LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO

CORSO DI FORMAZIONE
VI MODULI (DALLE ORE 14,30 ALLE 18,30)
DAL 22 MARZO 2017 AL 3 MAGGIO 2017
PRESSO IL CENTRO CONFERENZE SALA DI RIENZO
PIAZZA COLA DI RIENZO 80/a ROMA

Richiesta di informazioni

La Tutela dei Diritti Umani, delle persone e delle famiglie presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo

L’obiettivo del corso è unicamente di formare avvocati, praticanti ed operatori del diritto italiani interessati ad approfondire i meccanismi di protezione dei diritti fondamentali previsti dalla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU), con particolare riferimento alla procedura di ricorso individuale presso la Corte di Strasburgo. Il corso ha durata di 6 giorni non consecutivi e coinvolge giuristi nazionali ed internazionali di grande esperienza sul tema, tra i quali Presidente Dott.ssa Melita Cavallo, già Presidente del Tribunale per i Minorenni di Roma; l’Avv. Marina Marino, Presidente dell’Associazione Anthropoi; Dott. Pierpaolo Gori, Magistrato presso la Sezione IV Civile del Tribunale di Milano, già giurista in servizio presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo; Dott.ssa Monica Velletti, Magistrato presso la I Sezione – Famiglia del Tribunale di Roma; Prof. Cesare Pitea, docente aggregato di Diritto Internazionale presso l’Università degli Studi di Parma; Avv. Sara Menichetti foro di Roma; Avv. Matteo De Longis foro di Benevento; Avv. Luigi Serino foro di Napoli.

PARTE GENERALE

I – MERCOLEDÌ 22 MARZO 2017

La tutela dei diritti fondamentali nell’ambito del Consiglio d’Europa: la CEDU e la sua Corte. Il rapporto tra il diritto convenzionale ed il diritto interno italiano.

Saluti: Avv. Jacopo Marzetti. Garante per l’infanzia della Regione Lazio

14.30 – 16.00 La tutela dei diritti fondamentali nell’ambito del Consiglio d’Europa: la CEDU e la sua Corte. Avv. Marina Marino del Foro di Roma.

16.00 – 16.15 Pausa

16.15 – 18.30 Il rapporto tra il diritto convenzionale ed il diritto interno italiano. Prof. Cesare Pitea, docente aggregato di Diritto Internazionale presso l’Università degli Studi di Parma.

 

II – MERCOLEDÌ 29 MARZO 2017

Il contraddittorio dinanzi alla Corte di Strasburgo: il ricorso individuale, le condizioni di ricevibilità e la condanna dello Stato convenuto.

14.30 – 16.00 Il contraddittorio dinanzi alla Corte di Strasburgo: il ricorso individuale, le condizioni di ricevibilità. Avv. Matteo De Longis del Foro di Benevento.

16.00 – 16.15 Pausa

16.15 – 18.30 La condanna dello Stato convenuto. Avv. Luigi Serino foro di Napoli.

III – MERCOLEDÌ 5 APRILE 2017

Come presentare un ricorso alla Corte EDU: esercitazione su un caso pratico.

14.30 – 16.00 Come presentare un ricorso alla Corte EDU: tecnica di argomentazione su un caso concreto. Dott. Pierpaolo Gori, Magistrato presso la Sezione IV Civile del Tribunale di Milano, già giurista in servizio presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo

16.00 – 16.15 Pausa

16.15 – 18.30 Come presentare un ricorso alla Corte EDU: esercitazione su un caso pratico. Avv. Sara Menichetti del Foro di Roma.

PARTE SPECIALE

IV – MERCOLEDÌ 12 APRILE 2017

La nozione di vita privata e di vita familiare: la giurisprudenza CEDU sull’art. 8 della Convenzione.

14.30 – 16.00 La nozione di vita privata e di vita familiare. Dott.ssa Monica Velletti, Magistrato presso la I Sezione – Famiglia del Tribunale di Roma

16.00 – 16.15 Pausa

16.15 – 18.30 La giurisprudenza CEDU sull’art. 8 della Convenzione.

V – MERCOLEDÌ 26 APRILE 2017

Le adozioni nelle coppie omosessuali alla luce della giurisprudenza CEDU.

14.30 – 16.00 Le adozioni nelle coppie omosessuali alla luce della giurisprudenza CEDU. Presidente Dott.ssa Melita Cavallo, già Presidente del Tribunale per i Minorenni di Roma

16.00 – 16.15 Pausa

16.15 – 18.30 Le adozioni nelle coppie omosessuali nella giurisprudenza CEDU. Avv. Sara Menichetti del Foro di Roma.

VI MERCOLEDÌ 3 MAGGIO 2017

La giurisprudenza della CEDU sulla fecondazione assistita, la GPA e l’adozione.

14.30 – 16.00 La giurisprudenza della CEDU: analisi della sentenza Paradiso Campanelli. Avv. Sara Menichetti del Foro di Roma.

16.00 – 16.15 Pausa

16.15 – 18.30 Esercitazione pratica in gruppi di lavoro paralleli. Avv. Matteo De Longis del Foro di Benevento

Conclusioni e consegna dei certificati di frequenza

Al termine del corso sarà rilasciato ai partecipanti un attestato di frequenza che darà titolo al riconoscimento di n. … crediti formativi da parte del Consiglio Nazionale Forense.

Si tratta pertanto di 6 lezioni di carattere pratico di notevole utilità non solo per la presentazione dei ricorsi alla CEDU , ma anche per l’utilizzo che se ne deve sempre più frequentemente fare nei procedimenti civili e penali nel nostro paese.

Il costo del corso è di €200,00 oltre IVA per quanti si iscrivono entro il 22 febbraio e di €300,00 oltre IVA per quanti si iscriveranno tra il 23 febbraio ed il 10 marzo.

Il versamento della quota dovrà essere effettuato con bonifico bancario sul conto corrente ANTHROPOI e dovrà essere trasmessa via fax o via e mail copia della ricevuta del bonifico all’associazione.

 

Coordinate bancarie:

Banca UNICREDIT filiale: 05340

IBAN: IT02M0200805340000104388657.

 

Si tratta di un corso a numero chiuso, pertanto le iscrizioni verranno chiuse nel caso del raggiungimento del numero previsto per i partecipanti.